Pasta Brisè

La pasta Brisè è tra le basi più classiche della pasticceria, preparata tradizionalmente a mano, oggi viene spesso realizzata anche in planetaria. Non potete neanche immaginare le grandi quantità di Brisè che settimanalmente impasto a lavoro. Il perché? È facile, veloce, buona e molto versatile. Con un po’ di fantasia, per una volta potrete anche lasciare chiusi i libri di cucina e farcire questa base a vostro piacere, secondo i vostri gusti o semplicemente in base a quello che il frigo e la dispensa offrono quel giorno.

Pasta brisèL’alto contenuto di grassi rispetto alla farina rende la pasta, una volta cotta, di colore dorato, con una consistenza friabile e un ricco gusto burroso. Visto che parliamo di una ricetta dove il burro è protagonista non posso tralasciare il mio preferito, il burro Lurpak, sempre presente anche nella mia cucina di casa; si presta perfettamente a conferire a tutte le preparazioni un profumo unico che ogni volta mi fa sognare di essere in una vera “Bakery” tra croissant, sfogliatine e panini al burro.

pasta brisèIl sapore neutro della pasta Brisè si adatta sia a preparazioni dolci che salate. Potrete sfruttare questa ricetta per realizzare fondi di quiche o torte salate, rivestire piccole tartellette da riempire con farciture di ogni genere e realizzare monoporzioni dolci o salate da servire come antipasto o dessert. Questa pasta è un’ottima alternativa veloce alla pasta sfoglia per realizzare anche vari tipi di strudel: il classico alle mele, quello al cioccolato per i golosi o ripieno di verdure, prosciutto e formaggio per gli amanti delle portate salate. Bè che dire, i rotoli di pasta Brisè già pronti del supermercato sono indubbiamente comodi, ma non c’è paragone quella preparata in casa, indubbiamente più saporita e friabile!
Che aspettate?! Questa è una ricetta da provare al più presto!

pasta brisè{Ricetta in collaborazione con Lurpak}

Dose per foderare una tortiera da 26 cm di diametro

INGREDIENTI:

250 g farina 00
130 g burro Lurpak Classico
60 g di acqua fredda
4 g sale

PROCEDIMENTO:

  1. Setacciare su un piano da lavoro la farina e creare la classica “montagnetta” con un buco al centro.
  2. Tagliare il burro a cubetti e metterli al centro della farina.
  3. Pesare il sale e aggiungerlo agli ingredienti precedenti.
  4. Versare sulla farina l’acqua, cercando di farla rimanere nel buco al centro per non disperderla su tutto il tavolo.
  5. Iniziare ad impastare il tutto con le mani, facendo questo passaggio più velocemente possibile per non scaldare eccessivamente l’impasto con le mani.
  6. Continuare ad impastare coi palmi delle mani, fino quando il composto sarà diventato liscio e omogeneo.
  7. Quando l’impasto sarà pronto, formare un panetto e avvolgerlo nella pellicola. Lasciare riposare, in frigorifero, la brisè per almeno 2 ore prima dell’utilizzo.

dsc_1742-copiapasta brisè
pasta brisèpasta brisè
pasta brisèpasta brisè
dsc_1784-copia
I CONSIGLI DI LUCAKE:

  • In una buona pasta brisè, i pezzetti di burro si vedranno durante tutta la fase di lavorazione e rimarranno piccoli granelli di burro anche quando l’impasto sarà pronto. In questo modo i piccoli pezzetti di burro si scioglieranno durante la cottura e lasceranno la pasta friabile e croccante! Se invece lavoriamo troppo la pasta e tutti i piccoli pezzetti di burro verranno incorporati nella farina rischieremo di ottenere una pasta brisè dalla consistenza più dura.
  • È importante che il burro non sia troppo morbido, anzi è meglio che sia più tendete al duro che troppo ammorbidito. Sarà sufficiente toglierlo solo 5 minuti prima dal frigo e tagliarlo a cubetti. Per ottenere un impasto finale corretto, è giusto che si fatichi ad impastare il burro freddo con gli altri ingredienti.
  • È importante che la brisè non venga impastata eccessivamente, altrimenti il calore delle mani scalderà anche la pasta facendo ammorbidire troppo il burro.
  • Chi ne è fornito, può svolgere questa preparazione anche nella planetaria con il gancio o la foglia.
  • È consigliato che l’acqua sia ben fredda.
  • Come potete vedere nella foto numero 7, io ho messo a riposare la brisè nella pellicola formando già un panetto perfettamente tondo e sottile. Così impiegherà poco tempo ad ammorbidirsi, potrò procedere subito a tirare la pasta con il mattarello e sarà subito pronta per essere utilizzata per foderare la tortiera.
  • Lo spessore della brisè varia in base all’utilizzo che ne dobbiamo fare. Se la brisè verrà utilizzata per foderare tortiere per diventare la base di torte salate o altre torte ripiene non servirà uno spessore eccessivo altrimenti faticherà a cuocere. Lo spessore consigliato per creare la base di una torta con la brisè è di 3-4 mm.
  • Ovviamente la pasta brisè è utile sia per preparazioni salate che dolci.
  • La pasta brisè si può conservare in frigo avvolta nella pellicola per circa 3-4 giorni oppure può essere conservata anche in congelatore per circa un mese e all’occorrenza scongelarla togliendola dal freezer il giorno prima e lasciandola in frigorifero.

HASHTAGS #ricettelucake !!!
Ricorda di fotografare il dolce e condividerlo con noi su Instagram, aggiungendo l’hashtag #ricettelucake. Periodicamente i vostri dolci verranno raccolti tutti in un video e pubblicati sul mio profilo.