TORTA ANGELICA

Buongiorno a tutti,
il periodo natalizio si avvicina e oggi ho deciso di proporvi un nuovo dolce da preparare proprio durante le festività che ci aspettano! Lo so che spesso sono ripetitivo dicendovi che ho sempre pochissimo tempo per realizzare le mille idee che mi vengono in mente per voi, ma dicembre è per me un mese così intenso che non riesco a preparare nuovi dolci, ricette e scatti invitanti.
Non sapete quanto mi dispiaccia, soprattutto in quest’ultimo periodo tanto speciale, poter dedicare così poco tempo a tutto ciò. Anche per questo il mio blog va a rilento nell’arricchirsi. Spero di poter recuperare al più presto, nel frattempo vi parlo di questo dolce che sono riuscito a preparare per voi (organizzandomi con settimane di anticipo).

treccia_2
Un dolce dai mille nomi, la “torta angelica” non è che un impasto lievitato simile al pan brioches, che si può farcire in vari modi. Io ho deciso di puntare su cioccolato e nutella, un classico per accontentare tutti, soprattutto i più golosi. Una ciambella intrecciata che ricorda una ghirlanda, forma perfetta per richiamare il Natale.
Sotto le festività natalizie non poteva mancare una grande novità! Con questa pubblicazione inauguro ufficialmente una nuova sezione del mio ricettario: da oggi in poi troverete sul mio blog una raccolta di LIEVITATI, dolci a volte un po’ impegnativi, ma che ripagano sempre del tempo speso per prepararli, grazie al loro sapore fragrante e leggero. C’è di più: con questo genere di dolci ho scelto di aggiungere le foto dei passaggi più significativi, in modo che la preparazione risulti più chiara e semplice.

treccia_4
Qui di seguito vi spiego subito questi semplici passaggi per realizzare il dolce, con un procedimento non tanto difficile ma più che altro un po’ lungo a causa dei tempi morti per la lievitazione, tempi che però sfrutteremo per portare avanti le nostre cose. Per questo vi consiglio di prendervi una giornata tranquilla per realizzarlo, magari in un freddo pomeriggio di queste vacanze, con la stufa accesa e una voglia matta di sporcarsi le mani di farina!

treccia_3

INGREDIENTI:
Per il lievitino:
135 gr di farina manitoba
13 gr di lievito di birra
75 ml di acqua
Per l’impasto:
400 gr di farina manitoba,
75 gr di zucchero
120 ml di latte tiepido
3 tuorli
1 cucchiaino di sale
120 gr di burro
Nutella q.b.
Gocce di cioccolato q.b.

PROCEDIMENTO:
Prepariamo il lievitino impastando a mano o in planetaria con la spirale tutti gli ingredienti necessari per questo pre-impasto. Una volta pronto, facciamo un panetto e lo mettiamo a lievitare coperto da un canovaccio per circa 30 minuti.
Impastiamo assieme al lievitino (sempre a mano o con la planetaria a spirale) i secondi ingredienti della lista. Cominciamo ad aggiungere farina, zucchero, sale e latte leggermente tiepido. Mentre l’impastatrice è in funzione aggiungiamo uno alla volta i tuorli e in fine il burro molto morbido. Facciamo un panetto con la pasta ottenuta e mettiamo nuovamente a lievitare sotto un canovaccio per due ore. (vedi foto 1). Quando l’impasto sarà pronto, lo stendiamo ottenendo un rettangolo con spessore di 3 mm circa (vedi foto 2). Cospargiamo la superficie della pasta con un sottile velo di nutella e arricchiamo la farcitura con gocce di cioccolato a piacere. Arrotoliamo questo dolce rettangolo dal lato più lungo (vedi foto 3). Con un coltello, dividiamo a metà (sempre per la lunghezza) il rotolo ottenuto (vedi foto 4) lasciando una delle due estremità ancora attaccate tra loro. Intrecciamo i due cordoni di pasta ottenuti tra loro (vedi foto 5). Chiudiamo a cerchio la treccia ottenuta come fosse una ciambella e la predisponiamo su una teglia con carta da forno (vedi foto 6). Copriamo la ciambella sempre con un canovaccio e rifacciamo lievitare un’ultima volta per un’ora.
Spennelliamo la superficie del dolce con burro sciolto (quantità a piacere, senza esagerare) e completiamo con una spolverata di zucchero semolato. Mettiamo in forno a 190°/200° per 20/25 minuti circa. Come ho già detto in altre occasioni, ogni forno ha i suoi tempi e le sue temperature, naturalmente sapete meglio di me come gestire il vostro forno.
Una volta sfornato, fate raffreddare e a piacere spolverate con zucchero a velo.

collagetreccia
I CONSIGLI DI LUCAKE:
– Questo dolce può essere farcito in vari modi. Potete decidere di mettere anche solo nutella o solo gocce di cioccolato. A chi piace, a questa versione può anche aggiungere una spolverata di cocco grattugiato che, con la nutella e cioccolato, non sta mai male. Potete anche cambiare genere di farcitura e arricchirlo con canditi e uvetta per rimanere in tema natalizio. Se questa versione vi preoccupa che rimanga troppo asciutta, potete stendere un sottilissimo velo di marmellata, magari un po’ meno di come io ho fatto con la nutella. Oppure perché non optare per una versione neutra, solo con spennellata di burro con granella di zucchero e in fine una spolverata di zucchero a velo. Ottima scelta per apprezzare al massimo questo morbido impasto profumato al burro.
– Quando lavorate gli impasti è consigliato farli lievitare in un luogo che abbia una temperatura ambiente abbastanza calda. Oppure avvicinate il panetto (senza esagerare) a una fonte di calore come calorifero o stufa.
– essendo un dolce lievitato è consigliato mangiarlo poco dopo averlo realizzato. Più passa il tempo dopo la preparazione più perderà sofficità e friabilità.
– Io ho steso la pasta sopra un foglio di carta da forno leggermente infarinata, in modo che mi venisse più facile poi arrotolarlo e spostarlo.

HASHTAGS #ricettelucake !!!
Ricorda di fotografare il dolce e condividerlo con noi su Instagram, aggiungendo l’hashtag #ricettelucake. Periodicamente i vostri dolci verranno raccolti tutti in un video e pubblicati sul mio profilo Facebook .

treccia_1